REGIA: Shari Springer Berman e Robert Pulcini
CAST: Amanda Seyfried, James Norton, Natalia Dyer, Rhea Seehom, Alex Neustaedter, F. Murray Abraham, Jack Gore, Karen Allen.
GENERE: thriller, horror

Questo #visioselfie è dedicato al film “L’Apparenza delle Cose”, disponibile su Netflix. Tratto dal romanzo “Things Heard & Seen” di Elizabeth Brundage, viene descritto come thriller horror. Se siete troppo sensibili (come me), tranquilli: chi lo ha definito un horror ha esagerato parecchio. Direi più che altro che si tratta di una storia di relazioni tossiche e fantasmi.
La storia racconta di una restauratrice che vive a Manhattan con marito e figlia ed è costretta a trasferirsi in un villaggio di campagna lontano da tutto, a causa del lavoro del compagno. Una volta stabilitisi in una vecchia casa isolata, la donna si sente sempre più isolata e il disturbo alimentare di cui soffre peggiora. Durante il film vedremo che le cose non sono come sembrano… in tanti sensi diversi che non mi sembra il caso di esplorare, perché rischierei lo spoiler.
Cosa ne penso? Senza infamia e senza lode… la classica storia di fantasmi vista e rivista. I classici del genere ci sono tutti: elettricità che va e viene, sedie a dondolo, strane presenze nel buio, la seduta spiritica e potrei andare avanti. Il problema è che non si esce dal cliché, nemmeno con le battute che vengono messe in bocca ai personaggi. Ho visto altre “storie di fantasmi” più originali o più profonde. “Bel tentativo”… ma probabilmente il romanzo da cui è tratto è molto meglio.

Seguimi su:
www.visionair.fm
Facebook: VISIONAIRLauraBuffa
YouTube: VISIONAIR – LauraBuffa
Instagram: visionair.fm
Twitter: @VISIONAIRLauraB

Author: VISIONAIR

Share This Post On
468 ad