“Wasp Network”, scritto e diretto da Olivier Assayas, è un film del 2019 che è stato presentato in concorso alla 76° Mostra del Cinema di Venezia. Per l’Italia era stato acquisito da Bim Distribuzione che però ne ha dovuto annullare l’uscita a causa della pandemia di Covid19. Netflix però ha acquisito i diritti di distribuzione in diversi Paesi e così è stato reso disponibile sulla piattaforma dal 19 giugno 2020.
Un lungo percorso per questo film, basato sul libro “Os últimos soldados da Guerra Frìa” del giornalista Fernando Morais, che racconta la storia vera della rete di spionaggio cubana (la Red Avispa) infiltrata nella Miami degli anni ’90 per combattere le organizzazioni terroristiche anti-Castro presenti nella città americana. Il cast, tutto decisamente in parte e in gran forma, comprende: Penelope Cruz, Edgar Ramirez, Gael García Bernal, Ana de Armas, Leonardo Sbaraglia e Wagner Moura. Il problema è che la narrazione risulta frammentata e si fa fatica a trovare un equilibrio e un filo che unisca insieme i diversi filoni narrativi che sembrano slegati. Non manca solo una struttura solida (io non ho capito perché il personaggio della Cruz viene arrestato… ma vabbè, sarò tonta io), manca anche la carica emotiva che muove i protagonisti e dovrebbe coinvolgere il pubblico. Non lo so… manca qualcosa. Manca il cuore.

 

Seguimi su:
www.visionair.fm
www.facebook.com/VISIONAIRLauraBuffa
YouTube: VISIONAIR – LauraBuffa
Twitter: @VISIONAIRLauraB
Instagram: visionair.fm

Author: VISIONAIR

Share This Post On
468 ad