Riccardo Scamarcio: Lo Spietato.
Emily Blunt lotta contro una malattia genetica.
Christopher Nolan: nuovo film misterioso.
Tin Star: terza e ultima stagione.

 

Un viaggio lungo un quarto di secolo nell’universo della mala italiana raccontato attraverso la storia di Santo Russo, un gangster yuppie, che si muove nella Milano da bere negli anni d’oro. Questa è la trama di “Lo Spietato”, produzione originale Netflix italiana che vede Riccardo Scamarcio nei panni del protagonista. Il film, diretto da Renato De Maria, dopo un’uscita evento in cinema selezionati l’8, 9 e 10 aprile, sarà disponibile sulla piattaforma dal 19 aprile. La storia è liberamente ispirata a “Manager Calibro 9″ di Pietro Colaprico e Luca Fazzo.

Per la pagina dedicata ai nuovi progetti, Emily Blunt è in trattative per interpretatre il ruolo della protagonista in “Not Fade Away”. Sarà un film tratto dal libro di memorie di Rebecca Alexander, una donna nata con una sfortunata mutazione genetica in grado di provocare la progressiva perdita di udito e vista. La Alexander ha lottato ottenendo risultati impensabili, andati ben oltre le migliori previsioni dei medici.

Il nuovo film di Christopher Nolan è ancora senza titolo ma la scelta del cast procede spedita. Robert Pattinson si va ad aggiungere a John David Washington (visto in “BlacKkKlansman”) e ad Elizabeth Debicki. Questo è tutto ciò che si sa del progetto, avvolto nel mistero. Un’altra cosa certa è che Nolan inizierà le riprese nella seconda metà dell’anno e che la data di uscita è già fissata per il 17 luglio 2020.

Passiamo dal grande al piccolo schermo con “Tin Star”. La seconda stagione della serie con Tim Roth si sta per concludere e Sky annuncia il rinnovo per un terzo ma ultimo ciclo di episodi. “Tin Star” racconta le vicende di un detective della polizia di Londra che si trasferisce in un paesino sperduto in Canada per cercare di sfuggire al proprio passato.

 

Seguimi su:
www.facebook.com/VISIONAIRLauraBuffa
@VISIONAIRLauraB
Instagram – visionair.fm

Author: VISIONAIR

Share This Post On
468 ad